Un Inglese napoletano:Thomas Jones



Pittore e paesaggista gallese, Thomas Jones (26 settembre 1742 - 29 aprile 1803) fu allievo di Richard Wilson ed è conosciuto per la sua vita da pittore di paesaggi italiani nello stile del suo maestro. Tuttavia, la reputazione di Jones crebbe solo nel ventesimo secolo, quando vennero alla luce delle altre opere non propriamente convenzionali, che lui non aveva mai voluto mostrare. Tra questi spicca una serie di vedute di Napoli che dipinse dal 1782 al 1783. Rompendo letteralmente le convenzioni della pittura classica di paesaggio a favore di tecniche dell'osservazione diretta, attese con impazienza dal lavoro di Camille Corot e la Scuola di Barbizon nel diciannovesimo secolo. La sua autobiografia, le Memorie di Thomas Jones di Penkerrig, rimase inedita fino al 1951 ma ora è fortunatamente riconosciuta come un'importante fonte di informazioni sul mondo dell'arte del diciottesimo secolo.

Nato a Trefonnen in Cefnllys, nel Radnorshire, Thomas è il secondo di sedici figli del proprietario terriero Thomas Jones di Trefonnen e sua moglie, Hannah. I suoi anni formativi li trascorse nella tenuta di suo padre a Pencerrig vicino a Builth Wells. Spesso viene spesso chiamato Thomas Jones di Pencerrig per differenziarlo dagli altri con lo stesso nome. Fu educato al Christ College di Brecon e successivamente in una scuola tenuta da Jenkin Jenkins a Llanfyllin nel Montgomeryshire, prima di andare a Oxford nel 1759 per studiare al Jesus College. La sua formazione universitaria fu finanziata da uno zio materno che, contrariamente ai desideri di Jones, sperava che entrasse in chiesa. Jones lasciò Oxford subito dopo la morte di questo zio nel 1761 e iniziò a perseguire la sua carriera come artista, quella che preferiva.
Quindi si trasferì a Londra e si iscrisse alla scuola di disegno di William Shipley già nel novembre 1761. Nonostante frequentasse la classe della vita alla St Martin's Lane Academy, rimase incerto sulla sua capacità di disegnare figure in modo convincente e nel 1763 persuase il principale pittore paesaggista del momento (e collega gallese) Richard Wilson, per frequentare come allievo. Giovane e gioviale, Jones scrisse nel suo diario che lui e due compagni turbolenti una volta furono rimproverati dal loro maestro con le parole: "Signori, questo non è il modo di rivaleggiare con Claude".
Nel 1765 Jones iniziò a esporre alla Society of Artists (precursore della Royal Academy). Dal 1769 in poi per i suoi paesaggi iniziò ad adottare una certa "maestosità", lasciando che presto diventassero ambientazioni per scene di storia, letteratura e mitologia. Il suo più frequente collaboratore in queste opere fu John Hamilton Mortimer, che dipinse le figure. Uno dei suoi lavori più noti di questo periodo è The Bard (Cardiff), basato sul poema di Thomas Gray. Gli anni 1770 furono un periodo di grande successo per Jones, fu eletto membro della Society of Artists nel 1771 e nominato come direttore della Society nel biennio 1773-74. Questo periodo vide anche l'inizio di un'abitudine non proprio convenzionale per Jones di produrre piccoli schizzi di paesaggio con oli su carta, tutto per puro divertimento.

Nel settembre del 1776, Jones si imbarcò in un viaggio che aveva molto desiderato, arrivò in Italia. Le opere prodotte in Italia si discostarono significativamente dagli esempi del suo maestro, in particolare nei suoi dipinti ad acquerello, dove sviluppò una tavolozza distintiva con diverse tonalità di blu. Jacob More, John Robert Cozens e Thomas Banks furono suoi compagni tra gli artisti espatriati con i quali Jones però non si accompagnava. La sua prima commissione in Italia furono dei paesaggi intitolati Lake Albano, Sunset for the Earl e Bishop of Derry, che gli furono ordinati da colui che divenne poi il suo patron più importante.


  • The Bard - Thomas Jones
    Il bardo •  1774
  • A Storm - Prospero, Miranda e Caliban Spy - Thomas Jones
    A Storm - Prospero, Miranda e Caliban Spy •  1778
  • In the Road to Santa Maria de'Monti, vicino a Napoli.  Mattina - Thomas Jones
    In the Road to Santa Maria de'Monti, vicino a Napoli. Mattina •  1781
  • Edifici a Napoli - Thomas Jones
    Edifici a Napoli •  1782
  • A Hilltop, Napoli - Thomas Jones
    A Hilltop, Napoli •  1782
  • Tetti, Napoli - Thomas Jones
    Tetti, Napoli •  1782
  • Muro a Napoli - Thomas Jones
    Muro a Napoli •  1782
  • Napoli.  Edifici su una scogliera - Thomas Jones
    Napoli. Edifici su una scogliera •  1782
  • La baia di Napoli e il faro della talpa - Thomas Jones
    La baia di Napoli e il faro della talpa •  1782
  • Monte Vesuvio dalla Torre dell'Annunziata vicino a Napoli - Thomas Jones
    Monte Vesuvio dalla Torre dell'Annunziata vicino a Napoli •  1783
  • La grotta di Posillipo - Thomas Jones
    La grotta di Posillipo •  1872
  • Paesaggio classico con un fiume - Thomas Jones
    Paesaggio classico con un fiume •  1794
  • La periferia di Londra.  Una vista Guardando verso Queen Square - Thomas Jones
    La periferia di Londra. Una vista Guardando verso Queen Square •  1786
  • Scena vicino a Napoli - Thomas Jones
    Scena vicino a Napoli •  1783
  • Napoli.  La Capella Nuova fuori dalla Porta di Chiaja - Thomas Jones
    Napoli. La Capella Nuova fuori dalla Porta di Chiaja •  1782
  • Edifici in rovina, Napoli - Thomas Jones
    Edifici in rovina, Napoli •  1782
  • La baia di Napoli - Thomas Jones
    La baia di Napoli •  1782
  • Edifici a Napoli con il lato nord-est - Thomas Jones
    Edifici a Napoli con il lato nord-est •  1782
  • Una caverna vicino a Sant'Agnese senza la Porta Pia - Thomas Jones
    Una caverna vicino a Sant'Agnese senza Porta Pia •  1778
  • Ariccia, edifici ai margini della città - Thomas Jones
    Ariccia, edifici ai margini della città •  1777

Commenti

Post più popolari